Gentilissimi genitori e famiglie, finalmente ci siamo: grazie all’aiuto del Marco Polo Institute, la disinteressata disponibilità di medici e operatori sanitari, la vostra attenta collaborazione e il sostegno convinto del nostro Consiglio d’Istituto, giovedì 6 maggio tutti i bambini e le bambine del plesso di scuola primaria di via Roma, le cui famiglie avranno correttamente aderito all’iniziativa (nei giorni successivi toccherà alle altre sedi), saranno sottoposti a test dell’antigene rapido per la prova di SARS-COV-2 nella saliva espettorata.

test salivare bambini 690x362

Abbiamo voluto con determinazione e ostinazione l’avvio dello screening perché consideriamo cruciale riuscire a tracciare in ambito scolastico i soggetti positivi sintomatici ed asintomatici, insieme ai loro possibili contatti e interrompere così la catena di trasmissione del virus. Scopriremo più positivi? Esattamente per questo lo facciamo. D’altra parte siamo convinti che maggiore frequenza di tamponi nelle scuole, corridoi dedicati ai tracciamenti, presidi sanitari nei plessi, dispositivi di sicurezza adeguati e protocolli di funzionamento chiari e condivisi con le famiglie, rappresenterebbero azioni concrete di prevenzione e sanità pubblica in grado di rendere più sicure le nostre scuole e continui i percorsi di apprendimento degli alunni. La salute prima di tutto, ma senza dimenticarci il diritto all’istruzione costituzionalmente garantito. Su questa strada proseguiremo anche nei prossimi mesi e con l’Istituto Marco Polo, ong senza fini di lucro, stiamo già pensando ad ulteriori iniziative comuni per attuare concretamente misure di mitigazione del rischio e di prevenzione per il contenimento della diffusione del virus Sars Cov-2 nel settore scolastico.

Di seguito, ricapitoliamo, per chi non avesse letto le precedenti comunicazioni, alcune modalità di attuazione dell’iniziativa

  • > CHI riguarda? Tutti gli alunni e le alunne dell’Istituto compresi fra i 6 e i 14 anni i cui genitori abbiano dato formale assenso.
  • > E’ obbligatoria? No, ma è raccomandata;
  • > CHE tipo di tampone sarà effettuato? JOINSTAR COVID 19 (ISO 13485 - Registrazione Ministero della Salute n. 2031321): è un test dell’antigene rapido per la prova di SARS-COV-2 nella saliva espettorata. Si tratta di test veloce, non invasivo, particolarmente adatto per i bambini di età scolare, la cui sensibilità è del 95% e il cui risultato è disponibile dopo 15 minuti.
  • > CHI lo effettuerà? Medici pediatri affiancati da infermieri e operatori sanitari. Tutti su base volontaria;
  • > DOVE? In spazi sanificati e predisposti in ciascun plesso interessato (via Roma, Spirito Santo, Campanella-Vico) dove i bambini e i ragazzi saranno accompagnati da personale scolastico, uno alla volta.
  • > CHE SUCCEDEREBBE SE MIO FIGLIO RISULTASSE POSITIVO? Come concordato nel Patto di Corresponsabilità, il bambino con tutta l’attenzione di questo mondo, accompagnato da personale scolastico, attenderà l’arrivo dei genitori nell’area individuata per l’isolamento e l’operatore sanitario comunicherà la necessità dell’effettuazione di un tampone molecolare che dovrà essere eseguito presso le strutture dell’ASP di Cosenza per l’eventuale avvio delle procedure di tracciamento. Previa comunicazione caso accertato.

COSA DEVONO FARE I GENITORI?Tutti i bambini sono intelligentissimi, hanno solo meno esperienza di noi adulti. Innanzitutto, quindi,  spiegare loro che cos’è il Coronavirus attraverso parole semplici e di facile comprensione o ancora con un gioco, una storia, una filastrocca, un disegno. E come questi “mostrini invisibili”, che si stanno muovendo tra la popolazione, continuino a diffondersi attraverso gesti come un abbraccio o un bacio. In questo modo possiamo far passare il messaggio di quanto sia importante capire se questi “mostrini” siano davvero all’interno del nostro corpo, in modo tale da mandarli via il più in fretta possibile e non farli diffondere tra le persone a cui vogliamo bene. Una volta che il bambino o la bambina ha capito cos’è il coronavirus e come si diffonde sarà più consapevole e più incoraggiato a fare il tampone per combattere questi “mostrini”, per se stesso e per gli altri, proprio come un eroe! Sarà inoltre importante spiegare al bambino in modo calmo e semplice quando e come si svolgerà il test (un semplice sputo di saliva) per evitare fantasie e pensieri negativi. Informarlo della presenza di persone gentili potrà rassicurarlo.

Cordiali saluti e ancora grazie per la collaborazione

 

Si raccomanda di limitare qualsiasi tipo di ingresso nel plesso scolastico per la giornata del 6 e, qualora ci fossero urgenze, di utilizzare l'ingresso di via Tancredi

 

In allegato la lettera inviata alle famiglie, al Consiglio d'Istituto e al Collegio dei docenti

 

 

 

 

 

 

 

Allegati:
Scarica questo file (TAMPONE DAY.docx)TAMPONE DAY.docx[ ]52 kB
Inizio pagina