HomeManifestazioni

Manifestazioni

Non abbiamo un pianeta B: il mondo nelle vostre giovani mani

Anche i bambini e i ragazzi del nostro istituto hanno dato il loro prezioso contributo al Friday For Future. Dentro o fuori dalle loro calssi, tutti hanno pensato, dibattuto, manifestato, pulito. Proprio come in queste foto che vedete. 

Ragazzi piazza Cappello ULTIMA

 

 

 

Puliamo la città 3

 

 

 

 

 

Puliamo la città 4Puliamo la città 2Puliamo la città 3Ragazzi piazza Cappello in mezzoRagazzi piazza Cappello 3

 

Ragazzi piazza Cappello 4

 

L'ignoranza avvelena gli uomini e l'ambiente

Qual è la data di scadenza del nostro pianeta? Più o meno l'età dei nostri figli oggi, tra una nascita e un approccio all'adolescenza, la prima media e...puff...

Abbiamo solo 11 anni (l'arco temporale di cui sopra) per salvare quello che stiamo via via sciupando, maltrattando, bruciando, sporcando di ogni cosa. Ed eccoci arrivati al terzo Fryday For Future: risparmiandoci apologie e sermoni pro o contro Greta, domani il mondo - e anche la nostra città ricolma di tutta la provincia - griderà a gran voce che la crisi climatica sta arrivando e che è nelle nostre possibilità provare a fermarla. 

Il cambiamento climatico è già una realtà devastante, pericolosa quanto l'ignoranza di chi non vuol vedere. I governi ne discutono, le azioni incisive ancora mancano. I climatologi ci avvertono che ci restano solo 11 anni per invertire questo processo.

Greta, amata o odiata che sia, è diventata il simbolo di una lotta. E i Venerdì per il futuro sono diventati 'proprietà' di giovani, studenti, bambini. Cattura

Chiunque siamo, ovunque siamo, hanno bisogno di noi ci dicono. E noi saremo con loro, se non fisicamente portando comunque il nostro contributo attivo. Ci siamo. Perché l'ignoranza sporca le menti e l'ambiente. 

Vi consigliamo la visione di questo video che dice tanto. Tutto

(Cliccate qui sotto)

L'ignoranza avvelena le menti e l'ambiente

 

 

Saggio degli strumentisti, teatro strapieno

Fiori, camicie bianche ben inamidate, emozioni e note. Il teatro dello Spirito Santo ha ospitato tutto questo per i saggi dei nostri ragazzi della secondaria che hanno scelto il percorso dello strumento. Nei filmati qui di seguito potete ascoltare e osservare alcuni allievi di pianoforte e di violoncello impegnati nelle rispettive esibizioni. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ve lo facciamo vedere noi come si gioca a Dodgeball

Metti una persona del gentil sesso nell'agone e saprà farsi valere. Così è stato per le ragazze delle terze classi della secondaria dei nostri plessi che hanno giocato un divertente e animato torneo interno di Dodgeball nella palestra dello Spirito Santo. Eccole in azione e alla fone con tanto di foto di gruppo insieme ai loro docenti di IMG 5788Scienze Motorie. IMG 5790IMG 5789

IMG 5787IMG 5786

IMG 5785

 

Rugby, la squadra fa festa

La nostra scuola è ormai un astro nascente nel mondo del Rugby, uno sport che raggiunge disciplina ed umanità allo stesso tempo. Ecco i nostri ragazzi, ormai veri giocatori di squadra, alla festa del Rugby. WhatsApp Image 2019-04-10 at 15.10.28WhatsApp Image 2019-04-10 at 13.44.03

WhatsApp Image 2019-04-10 at 13.43.43

 

Allo Spirito Santo per confrontarci su bullismo e cyberbullismo

Inquadrare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo come meccanismi attraverso cui si genera il desiderio di appartenenza a un gruppo, una fenomenologia che li contraddistingue e la scuola ('contenitore' per eccellenza) che può provare a riconoserli per ridurre il rischio: se ne parlerà oggi 5 aprile dalle 16.45 presso il teatro dello Spirito Santo con il giudice Fenzio, il ds Ciglio e il dottor Mazzeo della Polizia Postale. In allegato tutte le info su questo incontro fornativo. 

cyberbullismo

 

Leggiamo le città, arriva il B-Book Festival

Anche quest’anno ci incontreremo alla Città dei Ragazzi per il “B-Book Festival. Un mondo di arte e letteratura per bambini e ragazzi”. Siamo arrivati alla quinta edizione ed è una bella conquista collettiva, un motivo di bellezza per la nostra città. Quest’anno, appunto, il tema del festival sono le città, raccontate nelle loro tante sfumature. Le città dei libri e dei bambini, per iniziare: le città dove i bambini leggono, dove hanno spazi per giocare, per pensare, per crescere e far fiorire le domande giuste. Ma anche le città invisibili e quelle capovolte. È una delle grandi capacità dei bambini, capovolgere il punto di vista, rovesciare il mondo. Ed è uno dei tanti possibili stili che la narrativa per ragazzi spesso offre: regalare un nuovo sguardo, agli adulti più che ai bambini. Le città sono anche luogo di arrivo e di partenza, hanno sempre a che vedere con i viaggi e le migrazioni. 

Nei giorni 6, 7, 8, 9, 10 dunque, la nostra città sarà invasa dai libri. L’evento, che nei giorni 8 9 e 10 aprile sarà completamente dedicato alle scuole, vedrà ospiti diversi scrittori, tra cui Bruno Tognolini, scrittore e poeta, tra i più grandi in Italia, vincitore di due premi Andersen; Nadia Terranova, scrittrice e giornalista che collabora con Repubblica, Internazionale e il Foglio, docente alla Scuola del libro di Roma; Massimo Birattari, redattore, traduttore e consulente editoriale, esperto di scrittura e di grammatica; Guia Risari, scrittrice per diverse case editrici e riviste letterarie; Gianluca Caporaso, autore che si occupa di solidarietà, volontariato e progettazione culturale, conduttore di laboratori di scrittura fantastica; Alessandra Auditore e Francesca Bottone, specializzate in musicoterapia e didattica musicale per la prima infanzia; Marco Dallari, docente di Pedagogia e didattica dell’educazione artistica; Manlio Castagna, scrittore e critico cinematografico, vicedirettore del Giffoni Film Festival; Beniamino Sidoti, esperto di gioco e narrazione, di scrittura creativa e animazione alla lettura; Elisa Mazzoli, scrittrice, premio Nati per Leggere 2018 e collaboratrice della rivista Pimpa; Sergio Olivotti, maestro ed illustratore che ha all’attivo numerosi libri illustrati, mostre e performance; Marisa Vestita, scrittrice ed illustratrice; Zita Dazzi, giornalista di Repubblica e autrice di libri per ragazzi; Cristina Petit, maestra, illustratrice e scrittrice; Gisella Laterza, giornalista e scrittrice di libri e di viaggi; Patrizia Fulciniti, insegnante e scrittrice calabrese ideatrice della Biblioteca Errante; Assunta Morrone, dirigente scolastica e scrittrice; Michele D’Ignazio scrittore e direttore artistico dell’evento, Jole Savino, illustratrice e direttrice artistica del B-book Festival. Nel corso del Festival, oltre agli incontri con gli autori, sarà possibile aderire a diverse attività laboratoriali ed artistiche o ai percorsi formativi rivolti ad insegnanti ed educatori.

In allegato, la locandina e il pieghevole del Festival consultabili per tutti gli appuntamenti.

Cattura

 

 

 

Certificazioni Cambridge, consegnati gli attestati ai ragazzi

Una nuova 'sfornata' di certificazioni Cambridge per i nostri ragazzi della scuola primaria di Via Roma e per la scuola secondaria di primo grado dell'istituto. La consegna degli attestati (Starters per i più piccoli e Flyers per i più cresciutelli) in una divertente cerimonia si è svolta nella sala teatro del plesso Pizzuti di via Roma. In allegato, troverete l'elenco dei ragazzi cui è stato riconosciuto il merito dopo aver sostenuto l'esame lo scorso anno. E, nelle foto, i nostri ragazzi che hanno ricevuto il riconoscimento del proprio lavoro durante la cerimonia. 

WhatsApp Image 2019-02-13 at 16.31.39

WhatsApp Image 2019-02-13 at 16.31.36

WhatsApp Image 2019-02-13 at 16.31.33

 

La nostra memoria, dai Briganti a Ferramonti

Il 27 gennaio è diventato, dall’istituzione nel 2000 della Giornata della Memoria, una delle date topiche del calendario scolastico. La frenesia del “dover fare”, tuttavia, spesso mette in ombra il “come fare” e si rischia di ripetersi o di banalizzare un messaggio che ai ragazzi potrebbe arrivare in maniera distorta o confusa. Parlare di memoria non è, insomma, semplice. Ma non parlarne sarebbe un ennesimo delitto. Cercando di aggirare i tanti e troppi luoghi comuni che si accompagnano ad una celebrazione di tale portata, il nostro istituto ha deciso di percorrere due strade che riguardano strettamente il nostro territorio. Una memoria che vada dritta ai luoghi e al cuore della Shoah, nel nostro campo di Ferramonti di Tarsia, e una memoria che possa togliere dall'oblio uomini che hanno dato la vita per la causa della libertà contro le barbarie post unitarie. 

Il campo di internamento di Ferramonti, nel vicino comune di Tarsia, è stato il principale (in termini di consistenza numerica) tra i numerosi luoghi di internamento voluti dal regime fascista. Il campo fu liberato dagli inglesi nel settembre del 1943, ma molti ex-internati rimasero a Ferramonti anche negli anni successivi e il campo di Ferramonti fu ufficialmente chiuso l'11 dicembre 1945. Dal punto di vista cronologico degli eventi della seconda guerra mondiale, ha dunque due primati: fu in assoluto il primo campo di concentramento per ebrei ad essere liberato e anche l'ultimo ad essere formalmente chiuso. Le classi II e IIID del plesso Campanella (scuola secondaria di I grado) hanno partecipato con grande emozione ed interesse al percorso proposto dai docenti in un luogo che serba anche la peculiarità di non aver avuto vittime di violenze o deportazioni dirette in Germania. Una storia carica di umanità nella disumanità collettiva di quel contesto storico: gli internati potevano ricevere dall'esterno posta e cibo e, all'interno del campo, godettero sempre della libertà di organizzarsi eleggendo propri rappresentanti, di avere un'infermeria con annessa farmacia, una scuola, un asilo, una biblioteca, un teatro e dei propri luoghi di culto (due sinagoghe, una cappella cattolica e un'altra greco-ortodossa). Diverse coppie si formarono e sposarono nel campo. E fu qui che nacquero ben 21 bambini. I nostri ragazzi hanno potuto assistere (come si vede in una delle foto della carrellata) alla cerimonia della donazione di un quadro, da parte di uno degli ospiti di Ferramonti in segno di riconoscenza, alla presenza del sindaco di Tarsia. 

L'altra strada percorsa, come anticipavamo, è quella, invece, della storia mai scritta. Quindi il mettere in luce quegli eventi vissuti proprio da noi meridionali nel periodo risorgimentale e di cui si conosce ben poco. Dimenticata dai libri di storia, la ricerchiamo con il tramite (prezioso) del teatro perché senza memoria storica non c'è identità e non c'è condivisione. Così, lunedì 28.01 (per gli alunni del plesso Vico) e lunedì 04.02 (per gli alunni dei plessi Spirito Santo e Campanella), nel nostro teatro dello Spirito Santo con inizio alle 9.30, andrà in scena la commedia "Brigante se more, la storia mai scritta" sceneggiata da Davide Parrotta, presidente dell'associazione Amici del cammino di Santiago, e scaturita dal progetto teatrale "I subalterni ribelli". 

WhatsApp Image 2019-01-25 at 16.14.21WhatsApp Image 2019-01-25 at 16.14.08WhatsApp Image 2019-01-25 at 16.13.57WhatsApp Image 2019-01-25 at 16.13.37WhatsApp Image 2019-01-25 at 16.14.28

 

 

Un Natale davvero 'mondiale'. Domani ve lo raccontiamo così

Dolci NataleTra le cose belle che lo spirito natalizio regala nel nostro istituto, questa merita un'attenzione particolare. La classe 3C (tempo pieno) della scuola primaria Pizzuti di via Roma, insieme alle maestre Mariella Rende e Stefania Gabellini, domani mattina alle 10.30 si adopererà in un mercatino interculturale con i colori e i sapori del mondo. Lo allestiranno davanti alla scuola o all’interno, dipenderà dal tempo. Le mamme dei bambini prepareranno i dolci tipici dei loro paesi d’origine (Lituania, Ucraina, Cina,Brasile, Filippine, Inghilterra, Romania, Albania, Marocco). Gli italiani prepareranno i nostri consueti dolci calabresi. L’idea è stata quella di coinvolgere attivamente le mamme straniere e di far nascere la curiosità nei bambini di sapere come funzionano le cose altrove e soprattutto renderli consapevoli che esiste un 'altrove'.
Le mamme sono state, inoltre, intervistate dai bambini che hanno poi scritto delle piccole relazioni su come si festeggia il Natale in altri paesi e, nei paesi in in cui il Natale non c’è, che cosa accade. Insomma un progetto interculturale che, con i tempi che corrono, era doveroso organizzare. Ed è doveroso partecipare. 

 

Pagina 1 di 3

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti. Per approfondimenti visualizza la nostra cookie policy

Nascondi questo messaggio
Cookie Policy